Monthly Archives

Gennaio 2020

Food Therapy, Spunti in Cucina, To Be Good

Dessert light: albumi e scaglie di cocco

È una ricetta davvero semplicissima che lascia ampio spazio alla creatività individuale: è infatti personalizzabile a seconda dei gusti e dell’estro del momento.O perché no, degli ingredienti disponibili in cucina. Questa base è “essenziale”, e prevede solamente due ingredienti: albumi montati a neve e scaglie di cocco bio.Nient’altro. Niente zucchero e niente farine.Less is more.A questa “base” si possono aggiungere a piacere cacao amaro, zenzero, frutti rossi, pasta di cacao o cioccolato fondente sciolti a bagno maria.Puoi anche aggiungere ghee sciolto sempre a bagno maria se vuoi potenziare ancora di più questo semplice snack.Sperimentare è la parola d’ordine;)   Proprietà ingredienti L’albume è proteico e leggero: a differenza del tuorlo, è praticamente privo di grassi e colesterolo, in quanto composto principalmente da acqua e proteine.Questo lo rende perfetto a qualsiasi ora: che sia come dessert dopo i pasti, o come snack prima/dopo allenamento, poco importa. Si presta benissimo per tutte…

CLICCA QUI

per continuare la lettura di questo articolo, abbonarti e accedere a tantissimi altri contenuti esclusivi! 
Sappiamo che tu vali e meriti solo il meglio.
Da qui la nostra scelta di dare un valore anche ai contenuti che ti offriamo.


Contribuisci a rendere Smazing sempre migliore, a meno di un caffè al mese.
Cosa aspetti?

oppure
accedi con le tue credenziali

Pilates, Pilates & More, To Be Good

10 buoni motivi per fare Pilates

È una disciplina molto in voga: cos’è realmente il Pilates e quali sono i suoi grandi benefici? Se capisci come funziona il tuo corpo puoi comprendere perché una pratica costante – che segua un programma con una logica ben precisa – aiuta ad ottenere ottimi risultati e un grande benessere – sia fisico che psichico. Ecco quindi i 10 motivi per cui dovresti fare Pilates.

Read more

Energy, Oroscopo, To Be Woman

Buon Compleanno Acquario!

Il Sole entra nella tua Costellazione il 22 Gennaio e vi rimane fino al 19 Febbraio, tuo mese di riferimento che si apre in bellezza! Marte in Sagittario e Venere in Ariete dal 7 Febbraio ti donano inoltre una forma splendida sia fisica che emotiva!Read more

Interview, Lifestyle, To Be Woman

Digiuno secco per disintossicarsi e ringiovanire

La sovrabbondanza e la sovralimentazione sono probabilmente i mali peggiori dei nostri tempi. Ci siamo evoluti ma siamo un popolo di “malati”.
Un vero e proprio paradosso a tutti gli effetti.
Ecco perché o scegliamo di cambiare abitudini, o siamo destinati a soccombere, in un modo o nell’altro.
Una delle abitudini migliori che possiamo decidere di “imparare” e inserire nella nostra quotidianità, è il digiuno, nella sua forma più pura ed efficace. Quella del Digiuno Secco – detto anche DS.
Un’astinenza terapeutica da cibo e acqua: uno straordinario metodo per disintossicarsi e ringiovanire!

Abbiamo scambiato due chiacchiere con la Biologa Nutrizionista Ethel Cogliani, ideatrice insieme a Stefano Andrade di FunFastik, il primo metodo divertente e semplice per avvicinarsi alla corretta esecuzione della pratica del DS.

Ethel, il digiuno secco sembra essere una vera e propria “tecnologia”, semplice precisa e davvero completa. Ci racconti da dove arriva questa pratica così attuale eppure così “antica”?

Possiamo dire che il digiuno secco sia nato prima che l’Uomo venisse sulla Terra: è infatti nato con la vita sulla Terra ed è una strategia che in tutti gli ordini animali viene usata per sopravvivere alle condizioni più ostili a cui la Natura è in grado di sottoporci. E che permette quindi la propagazione della specie anche attraverso periodi più o meno lunghi di siccità e carestia.
La sua presa di posizione invece in protocolli medici strutturati è stata permessa proprio grazie allo studio e alla dedizione di intere generazioni di medici russi che dall’inizio del ‘900 del secolo scorso hanno studiato le dinamiche con cui il digiuno agisce e le conseguenze di digiuni di diversa natura e durata, allo scopo di standardizzare protocolli che avessero un’efficacia ripetibile nel tempo.
Il digiuno in Russia è diventato una delle cure ufficiali del regime sovietico dal 1973 perdendo invece quota nel momento in cui è crollato il muro di Berlino e la conseguente occidentalizzazione di tutti i protocolli medici russi.
È per questo che non vedo in modo così positivo da un po’ di tempo la caduta del muro di Berlino e mi sto chiedendo se è stato un modo per escludere o piuttosto un modo per proteggere. Ma anche questo lascio ai posteri l’ardua sentenza.
Comunque attualmente il digiuno è una pratica che non viene più passata dallo stato e quindi dalle decine di migliaia di persone che ne potevano giovare il numero si è ristretto a pochi. Pochi fortunati che si possono permettere delle cure private. È questo il grande dono alla salute che ha fatto l’Occidente alla Russia Rossa.
La cosa interessante comunque di questo intermezzo di fama estesa di questa pratica è che abbiamo veri e propri studi di popolazione tenuti in archivi immensi di casi dei più disparati curati con questa pratica.
Ad oggi sembra che nessuna cura inventata, testata e messa sul mercato sia in grado di avere la potenza che ha il digiuno – che sia esso secco o con acqua!

Quali sono i benefici diretti di una pratica di digiuno?

Ammetto sarebbe più facile dire che cosa non fa che elencare che cosa è in grado di fare il digiuno!
Il digiuno essenzialmente è in grado di attivare tutta una serie di risorse e strategie insite nel nostro corpo, in modo tale da adattare velocemente metabolismo e assetto ormonale per smistare le risorse ai distretti più importanti del corpo. E garantire quindi al massimo la sopravvivenza.
Siamo esseri duttili che comodità, mancanza di stimoli e abbondanza di cibo hanno impigrito. Tutto questo ha inoltre portato il corpo a non essere più reattivo ed avere un tempo di latenza molto lungo per cui ci adattiamo molto lentamente. In realtà in Natura siamo sempre stati abituati a passare lunghi periodi senza mangiare e talvolta anche senza bere, per poi riprendere a mangiare e a bere… sempre fino a sazietà e senza contare le calorie.
Il problema delle calorie non è dato dal fatto che mangiamo tanto ma che mangiamo troppo spesso e cibi scarsamente nutrienti. Questo innesca tutta una serie di meccanismi che inducono a richiedere più cibo e più calorie del normale mangiando fino a 3 volte più di quanto ne necessiti realmente il nostro corpo! … E poi dicono che le risorse del nostro pianeta non bastano per tutti! In realtà non sono le risorse che non bastano… siamo noi che consumiamo troppo.
I benefici del digiuno sono legati comunque alla specificità con cui agisce sulle cellule malate rispetto a quelle sane, portando ad una sorta di chirurgia cellulare di una precisione non replicabile, almeno attualmente, da nessuna terapia ideata dall’Uomo. Riesce quindi a preservare in modo netto la salute delle cellule sane.
Il digiuno, è in grado di agire in modo diverso in base anche a quanto si protrae nel tempo: alcuni effetti sono raggiungibili anche con digiuni brevi, anzi vengono proprio facilitati da digiuni brevi e ripetuti, alcuni effetti invece sono ottenibili solo con digiuni lunghi, o addirittura con digiuni lunghi e ripetuti a specifiche cadenze.
Uno degli effetti – riscontrato essere appannaggio dei digiuni brevi e ripetuti con cadenza regolare – è il dimagrimento, il miglioramento della flora e della permeabilità intestinale, il miglioramento delle prestazioni fisiche (sia in potenza che in lucidità).
Appannaggio invece dei digiuni lunghi è il reset ormonale, la gestione di stati depressivi ed ansia, la regressione di malattie complesse e conclamate da tempo.
Io personalmente ho fatto digiuni di un giorno e mezzo a settimana regolarmente dall’agosto 2018 intervallati da 3 digiuni di 3 giorni e mezzo, uno di 5 giorni e uno di 7 giorni.
Non ho mai avuto grossi problemi ma anche io mi sono portata a casa i miei bei risultati: ho guadagnato 1 kg di peso in media (passando da 49 kg a 50), maggiore massa muscolare, una pelle molto più liscia e idratata, alcuni capelli bianchi sono spariti, i miei problemi di stomaco che erano soggetti all’altalena della mia incapacità di gestire adeguatamente lo stress, sono ridotti a piccoli casi sporadici. Ho lucidità costante anche in periodi in cui normalmente addietro avrei perso il controllo, e mi sento molto più connessa alle esigenze del mio corpo. Il corpo, inoltre gestisce meglio tutte quelle “uscite dagli schemi” che prima accusava pesantemente.
Penso infatti che l’effetto più bello del digiuno è regalare una maggiore libertà e consapevolezza di quelle che sono le reali necessità del corpo. Nessuna dieta o regime alimentare riesce a farlo perché dà regole da seguire, il digiuno invece fa in modo che sia il tuo stesso corpo a dettare le sue regole poi sta a te avere il buon senso di seguirle.
La piena padronanza di ciò di cui hai bisogno penso sia l’ingrediente che manca nella nostra società: siamo costantemente agganciati a ciò che ci viene detto e non a ciò che ci diciamo.

Cos’è l’autofagia?

Risposta breve o risposta lunga? Scherzo! L’autofagia è un processo di selezione che avviene costantemente nel nostro corpo: in ogni momento ci sono delle cellule che vengono “buttate al macero”. Vengono selezionate perché non più funzionanti – troppo vecchie o malate! – e tramite un processo di riconoscimento da parte del nostro Sistema Immunitario vengono smaltite… e alcuni dei loro materiali riciclati dalle cellule sane.
È un processo costante che permette al corpo di mantenersi sano nonostante ogni giorno molte cellule diventano “potenzialmente tumorali”. Alla fine che cos’è la malattia se non un mancato smaltimento delle scorie e delle cellule non più funzionanti?
Più o meno come gli alberi rinnovano le loro foglie facendole cadere in autunno e facendone crescere di nuove in primavera, noi ogni giorno sostituiamo le cellule vecchie con cellule nuove.
Il problema sussiste quando i fattori che danneggiano le cellule sono maggiori della velocità che ha il nostro Sistema Immunitario di smaltire i danni che questi fanno.
Quindi, nel lavoro si accumulano gli arretrati, il nostro corpo diventa una discarica di rottami cellulari che diventano potenzialmente dannosi.

Chi può avvicinarsi a questa pratica?

Chiunque abbia buonsenso. Non sto scherzando. Vedo gente che fa digiuni errati: troppo lunghi, senza preparazione, partendo da alimentazioni degenerate, con patologie anche gravi senza tener conto che il digiuno è una disintossicazione e se la quantità di tossine mobilitate a maggiore alla capacità del corpo di gestirle ci si sente male.
A quel punto di chi è la colpa: del digiuno o della scarsa capacità di valutazione delle persone?
Ammetto che vedo errori grossolani che per lo più sono dovuti a fretta e sottovalutazione dello strumento che hai in mano.
Il professor Filonov, l’ultimo divulgatore del digiuno secco ama dire: “preparati al digiuno come se ti preparassi ad un operazione chirurgica”.
È questo che cerco di insegnare sempre perché questo concetto è la chiave per trasformare il digiuno da uno strumento dannoso ad uno strumento potentissimo.

Digiuno secco o digiuno idrico: quali sono le principali differenze?

Intanto direi che la prima differenza che salta all’occhio è che uno prevede l’assunzione di acqua, mentre l’altro prevede l’astensione totale anche dall’acqua.
Passando all’astensione totale dall’acqua si velocizzano i processi interni, anche il cambio dei metabolismi diventa più efficiente, le tossine vengono liberate più velocemente, il consumo di grassi diventa più cospicuo e non c’è praticamente nessun tipo di danneggiamento o perdita della componente proteica.
Mediamente chi fa il digiuno secco sente meno fame.
Il digiuno secco è interessante soprattutto per problematiche come le infezioni: sottraendo acqua la componente microbica tende a morire più facilmente.
Il digiuno secco aiuta anche a ridurre il problema del riassorbimento intestinale delle tossine, cosa che il digiuno idrico, mantenendo le mucose umide non garantisce.
Per il resto quello che penso è che è meglio digiunare che non digiunare, quindi anche se mentalmente il digiuno secco è un limite… non abbandonate mai il digiuno come idea.
In una società contaminata come la nostra vivere decentemente senza digiunare è pressoché impossibile e diventerà sempre più difficile man mano che le condizioni di inquinamento dell’aria, dell’acqua e dei terreni diventeranno più cospicue. Allora sarà difficile “mangiare pulito” e l’unico modo per ovviare al problema dei contaminanti rimane dunque depurarsi regolarmente e attivare in modo sistematico i processi di smaltimento.

 

 

Link utili:

https://funfastik.com

https://funfastik.com/eventi

 

 

 

 

 

Energy, Oroscopo, To Be Woman

Oroscopo 27 Gennaio – 2 Febbraio 2020

Le energie mosse questa settimana si presentano sostanzialmente stabili come gli ultimi giorni: per i Pianeti non ci sono cambi di segno significativi.
Rimangono forti i segni di Terra, passionali e romantici quelli d’Acqua, mentre continuano ad essere combattivi i segni di Fuoco. E quelli d’Aria? Possono godere di energia mentale e fisica al top!
E tu di che segno sei? Scopri come si muovono le energie con l’oroscopo Smazing;)Read more

Food Therapy, Spunti in Cucina, To Be Good

Ricette d’autore: “Insalata di quinoa e cardoncelli”

Ricetta per 6 Persone
Difficoltà: facile
Tempo di preparazione: 15 min + 20/30 min di cottura


Ingredienti

  • 300 gr di cardoncelli o funghi misti
  • 500 gr di carote
  • 150 gr di quinoa
  • 50 gr di semi di girasole
  • 2 C di timo essicato
  • 1 C di semi di coriandolo in polvere
  • 2 c di sale marino integrale

Preparazione 

Fate un trito con un paio di carote, e stufate con un pò di olio.
Aggiungete i funghi, sfumate con il vino bianco e stufate.
Lavate e tagliate a rondelle le carote rimaste e versatele in una casseruola, aggiungete 400 ml di acqua, copritele con il coperchio e fatele ammorbidire.

A fine cottura frullate e aggiungete i semi di girasole un cucchiaino di timo e un cucchiaino di sale.
Frullate di nuovo fino ad ottenere una purea morbida e cremosa.
Assaggiate ed eventualmente aggiustate di sapore.

Sciacquate la quinoa, mettete in una padella, coprite con il doppio del volume di acqua.
Mettete il coperchio e cuocetela 15-20 minuti. Deve risultare cotta ma al dente.
Spegnete il fornello, lasciate riposare 10 minuti con il coperchio così si gonfierà.

Assemblate la quinoa coi funghi, spadellate un paio di minuti, aggiungete coriandolo, timo, aggiustate di sale e servite con la crema di carote ai semi di girasole. 

Energy, Luna, To Be Woman

I limiti stimolano lo sviluppo del potenziale: Luna Nuova del 24 gennaio

La Luna Nuova del 24 gennaio 2020 ci fa riflettere sul significato della limitazione, che serve a stimolare lo sviluppo del potenziale personale.Read more

Interview, Lifestyle, To Be Woman

Biohacking: ottenere il massimo sia dal corpo che dalla mente

Sempre più spesso si sente parlare di Biohacking, tuttavia c’è ancora molta confuzione a riguardo: cos’è davvero il Biohacking e chi è il Biohacker?
Per sciogliere ogni dubbio abbiamo scambiato due chiacchiere sul biohacking con Matteo Cozzi, fondatore del blog Avocado Tree e del progetto Cyrcared.

 

Matteo, cos’è per te il Biohacking?

La definizione classica di biohacking è “l’arte e scienza di alterare l’ambiente esterno ed interno per ottenere il massimo della performance.” Trovo questa definizione estremamente calzante. Mi piace soprattutto il fatto che unisca la componente scientifica, che è alla base di ogni intervento, a quella artistica che implica una parte di sperimentazione. In particolare, la sperimentazione è su se stessi, infatti il biohacking si basa sul principio del DIY (Do it yourself), ovvero l’individuo è chiamato a informarsi e a utilizzare quelle informazioni raccolte per intervenire sulla propria biologia. Questo è rilevante soprattutto perché, per usare un termine scientifico n=1. Ovvero gli effetti di una determinata scelta, che possa essere alimentare o di un integratore sono del tutto suscettibili all’individuo. In altre parole, la stessa scelta può avere effetti radicalmente diversi su due persone.

 

Quali sono i migliori dispositivi di biohacking?

Il miglior dispositivo di biohacking è la natura. Negli ultimi anni, soprattutto in USA, il biohacking è entrato a far parte del mainstream. Questo ha portato a sviluppare interessi commerciali che a loro volta hanno creato integratori, prodotti e dispositivi. Lo trovo un eccesso. Per me il primo biohack è il ritorno alla natura: sole, contatto con la terra, mangiare semplice e locale. Il resto può essere un’aggiunta per raggiungere obiettivi eccezionali oppure per difenderci dalla tecnologia.
Se dovessi parlare strettamente di dispositivi, sicuramente occhiali blue blockers che proteggono dalle luci artificiali e luci rosse ed infrarosse per bilanciare la luce blu nella quale siamo immersi.

Quali sono i problemi principali derivanti dalla tecnologia?

Oggi siamo circondati da tecnologie che non esistevano poche decine di anni fa. La nostra biologia è estremamente sensibile all’ambiente e c’è da aspettarsi che qualsiasi cambiamento radicale possa esercitare un effetto negativo.
Le minacce principali -ma che nessuno prende seriamente- sono le luci artificiali e le onde elettromagnetiche nelle quali siamo immersi 24/7. Per quanto riguarda le prime, sappiamo che la luce blu, emessa dalle moderne luci LED e dagli schermi dei telefoni sopprime la melatonina, che è l’ormone del sonno ma anche un potente antiossidante. L’insonnia è un’epidemia dilagante ormai ma nessuno vuole unire i puntini. E uso il termine volere appositamente. Governi, aziende e persone comuni sono consapevoli dei danni ma non fanno niente i primi per questioni economiche e i secondi per pigrizia.
Stesso discorso vale per le onde elettromagnetiche di Wi-Fi e cellulari. Oggi siamo esposti ad un campo elettromagnetico miliardi di volte superiore a quello di appena 50 o 100 anni fa. Anche qui tutti sono consapevoli dei danni, ma vengono minimizzati per altri interessi.


Il biohacking è adatto a tutti?

Per me il biohacking può essere inteso come stile di vita. Un biohacker è una persona consapevole di avere un enorme potere personale per quanto riguarda la propria biologia e le proprie perfomance e decide di utilizzarlo. Al di la di piccoli interventi, il biohacker cerca di ottimizzare tutti gli aspetti della vita: alimentazione, luci, integrazione, sonno. L’obiettivo è massimizzare il potenziale umano.
In un certo senso siamo tutti biohacker nel momento in cui, ad esempio, scegliamo uno stile alimentare che ci fa stare bene o ci alleniamo. Le persone comuni potrebbero iniziare a pensare che anche in altri ambiti possono essere effettuate delle scelte consapevoli.

 

Come iniziare?

In realtà è molto semplice, ma non è facile. Semplice perché non richiede requisiti particolari se non la volontà. Non facile perché bisogna studiare prima di fare qualcosa e soprattutto è richiesta tanta sperimentazione. Purtroppo, la maggior parte delle persone vuole la pillola magica che gli permetta di ottenere tutto e subito, quindi, mancando questa pazienza di sperimentare molto spesso l’appello di chi divulga cade nel vuoto. Ma non è solo mancanza di pazienza, è anche mancanza di stimoli ad uscire dalla comfort zone. Molti dei cambiamenti da intraprendere influenzano il modo in cui le persone hanno vissuto per 40, 50 anni o più. Rompere le abitudini poco salutari è difficile, ed ancora di più sostituirle che abitudini migliori.

Lifestyle, myLIFESTYLE, To Be Woman

OMAD, un pasto al giorno: tutti i benefici

One Meal At Day, o più semplicemente “OMAD”. Un pasto unico e completo che va a coprire il fabbisogno delle ventiquattrore. I macronutrienti non cambiano, cambia solo la modalità di assunzione. E, a dispetto di quanto potrebbe sembrare, non stiamo parlando di privazione, dieta, sacrificio e privazione.Anzi! OMAD è una sorta di “ammaestramento”: un allenamento che alla lunga porta a livelli di salute invidiabili.Rinunciare al cibo? Giammai!Piuttosto scegliere in modo diverso, e con una consapevolezza “superiore”. La strategia alimentare deve essere sartoriale. Personalmente trovo una bella e sana abitudine inserire la pratica OMAD un giorno a settimana, magari nel weekend, quando tutto scorre più “dolcemente” e si ha più tempo da dedicare a se stessi. Una coccola insomma, che aiuta a finire ed iniziare la nuova settimana con la marcia giusta. Benefici Lasciare l’apparato digerente “a riposo” per molte ore permette un aumento dell’ormone della crescita GH, ormone proteico che,…

CLICCA QUI

per continuare la lettura di questo articolo, abbonarti e accedere a tantissimi altri contenuti esclusivi! 
Sappiamo che tu vali e meriti solo il meglio.
Da qui la nostra scelta di dare un valore anche ai contenuti che ti offriamo.


Contribuisci a rendere Smazing sempre migliore, a meno di un caffè al mese.
Cosa aspetti?

oppure
accedi con le tue credenziali

Alimentazione e Salute, Food Therapy, To Be Good

Flessibilità metabolica: come, perché, quando

Probabilmente hai già sentito parlare di flessibilità metabolica, e sicuramente come concetto ti affascina. Pensaci: sarebbe fantastico continuare ad avere un metabolismo attivo e scattante come quando eri ragazzino. La buona notizia è che, apportando alcune modifiche alla tua filosofia alimentare, puoi recuperare questa flessibilità e guadagnare salute e forma fisica! Read moreMonica Montanaro Biohacking CoachFounder & Creative Director Healthy Lifestyle | Biohacking Coach www.biohackingcoach.it Read MoreMoniqueCloseMonica Montanaro - Founder & Creative Director Fashion Designer, appassionata d'arte e affamata di vita ed emozioni vere. Docente di fashion design e consulente free lance nel settore lusso. Ma soprattutto mamma moderna e compagna di vita esuberante, ma dolce e determinata. Curiosa e cocciuta. Scontrarmi dopo i 35 anni con una patologia autoimmune è stata una grande opportunità per cambiare stile e abitudini di vita, e abbracciare tutto quello che porta a vero benessere, partendo dall'alimentazione. Da qui la voglia di rimettermi in…

CLICCA QUI

per continuare la lettura di questo articolo, abbonarti e accedere a tantissimi altri contenuti esclusivi! 
Sappiamo che tu vali e meriti solo il meglio.
Da qui la nostra scelta di dare un valore anche ai contenuti che ti offriamo.


Contribuisci a rendere Smazing sempre migliore, a meno di un caffè al mese.
Cosa aspetti?

oppure
accedi con le tue credenziali

Close