Abbiamo fatto due chiacchiere con Chiara Gambarato, interior designer con la passione per l’architettura, Parigi, la moda e le cose belle. Quelle che sanno emozionare davvero.
Ci ha parlato del suo ultimo viaggio a Parigi, e di quanta magia sia celata tra le mura di un quartiere – tra il Parco dei Principi e il Bois de Boulogne – che trasuda incanto e poesia.

“Se sei a Parigi e ami l’architettura, non puoi non andare a visitare l’edificio progettato da Le Courbusier nel cuore di Bois de Boulogne. Un duplex di 240 mq diviso tra appartamento e atelier di pittura – teatro di vita e palestra di sperimentazione, oggi patrimonio del l’Unesco. Dopo il restauro riapre finalmente al pubblico, e se ti capita di essere a Parigi non puoi perdere l’occasione di immergerti nel bianco rumoroso di questo spazio.


In questo nuovo quartiere alle porte di Parigi, Le Courbusier sogna per la prima volta di costruire grandi condomini secondo il suo concetto di città radiosa: una città verde dove lo spazio pedonale è privo di automobili, dove il sole penetra ampiamente nelle case.
Progettato a pianta libera, con grandi porte basculanti in legno che danno una sorprendente continuità visiva, l’appartamento divide la superficie con l’atelier di scultura e pittura.

Per le courbusier il “lusso” è lo spazio. I materiali scelti sono infatti modesti e accessibili a tutti: piastrelle in gres porcellanato e pietre che ”parlano” lungo i muri dell’atelier. Pura magia.
L’effetto è quello di essere in un appartamento contemporaneo. E pensare che è stato pensato nel lontano 1934!
Lungimirante, sognatore e visionario: Le Corbusier incanta e seduce, toujours!”

 

 

 

 

 

Per visitarlo basta un clic: FONDAZIONELECOURBUSIER.FR