L’amica geniale arriva alla Mostra del Cinema di Venezia e diventa miniserie. Un ottimo motivo per leggere il bel romanzo di Elena Ferrante se ancora non lo avete fatto!
Il primo libro della quadrilogia tutta al femminile sarà presentato dal regista Saverio Costanzo, già direttore de La solitudine dei numeri primi. 

Un’amicizia geniale

La storia ha inizio nella Napoli caotica degli anni ‘5o: Lila Cerullo ed Elena Greco sono amiche-nemiche per la pelle fin dall’infanzia, tanto simili quanto diverse, vicine e poi distanti. 
Prima bambine, poi adolescenti e ragazzine, infine donne: la bellezza del romanzo sta nella capacità della scrittrice di raccontare la loro crescita, immersa a sua volta nei cambiamenti che toccano il rione, Napoli e l’Italia intera. 



Lila fin da bambina ha un carattere forte, carismatico e affascinante, inarrivabile. 
Allo stesso tempo è ribelle, incomprensibile, piena di casini, mentre Elena – inizialmente insicura – avrà più successo da grande.
Ed è proprio lei, donna anziana circondata dai libri, che nel film racconta a ritroso la storia di un’amicizia lunga una vita, proprio quando l’amica geniale (anche se a ben guardare entrambe sono geniali, l’una per l’altra) sembra essere scomparsa senza lasciare traccia… 

Il libro perfetto per l’estate

Tre buoni motivi per leggere L’amica geniale, oltre al fatto che così ci gusteremo di più il film di Saverio Costanzo?

  • La storia è avvincente e si fa leggere tutta d’un fiato: il libro ci racconta un mondo incandescente di vita, di passioni, di povertà e di violenza – e lo fa con grazia e piglio femminile

  • È facile riconoscersi in questo romanzo, nella relazione contrastata tra le due protagoniste o negli intrighi tra i tanti personaggi che affollano il rione in cui vivono: chi di noi non ha o ha avuto un’amicizia così importante nella propria vita? 

  • L’amica geniale è il primo di una quadrilogia: appena lo finite potete buttarvi sugli altri romanzi dell’autrice (o autore? Elena Ferrante è uno pseudonimo e la sua identità è tuttora segreta): Storia del nuovo cognome, Storia di chi fugge e di chi resta, Storia della bambina perduta vi aspettano con la stessa intensità e scorrevolezza di scrittura del primo. 

Attenzione: questo romanzo è davvero quasi per sole donne;) Buona lettura!

Anna

Anna Montanaro – Culture Addicted
Testa ed emozioni.
Lettrice e viaggiatrice, appassionata di cinema, di editoria e di natura. Cerco l’intensità, metto in dubbio ogni cosa, scrivo per dare forma a vibrazioni, viaggio per perdermi e immergermi nel mondo.