Era mesi che volevo vedere Mustang, uscito in Italia nel 2015. Il trailer mi era piaciuto subito, mi aveva emozionata. La locandina pure, con quei cinque volti di piccole (e bellissime) donne, unitissime. Intuito azzeccato: il film è bello e potente, arriva al cuore con delicata intensità. Capita a volte che un film ispiri da subito, a pelle, senza aver letto nulla di recensioni e critiche, ma intuitivamente senti che devi vederlo perché è “per te”. Mustang è così: arriva al cuore fin dal trailer, e il film poi fa il resto.  Un inno alla libertà Siamo in Turchia in un villaggio sperduto sulle coste del Mar Nero, è inizio estate.  Cinque sorelle adolescenti, ribelli e focose come i Cavalli del titolo, orfane di entrambi i genitori e cresciute dallo zio (severo, anche violento) e la nonna (personaggio ambivalente, donna ottusa e insieme permissiva) sono additate come scandalose e inopportune per aver festeggiato la fine della scuola…

CLICCA QUI

per continuare la lettura di questo articolo, abbonarti e accedere a tantissimi altri contenuti esclusivi! 
Sappiamo che tu vali e meriti solo il meglio.
Da qui la nostra scelta di dare un valore anche ai contenuti che ti offriamo.


Contribuisci a rendere Smazing sempre migliore, a meno di un caffè al mese.
Cosa aspetti?

oppure
accedi con le tue credenziali