Joseph Pilates nel 1926 trasferisce il suo studio a New York ed entra in  contatto con Martha Graham, fondatrice della danza moderna, e George Balanchine, coreografo e fondatore del New York City Ballet Company – che riconoscono la validità del suo sistema di educazione fisica, e la funzionalità dei suoi sistemi di allenamento.

Per i ballerini il Pilates e la forza interna sono la chiave.
Dobbiamo pensare alle coreografie che vediamo a teatro, alle performance dei grandi ballerini, come Roberto Bolle ad esempio.
Le loro piroette, le prese, le linee di forza che usano, la leggerezza con la quale sembra che i loro corpi volino nello spazio.

La forza elastica e la forza interna

Per fare tutto ciò hanno bisogno di forza elastica e forza interna: quale migliore allenamento se non il Pilates, padre e maestro di queste due qualità funzionalità che si acquisiscono?
L’ allenamento Pilates è basato sulla forza interna e sulla forza elastica, si allenano i muscoli che stabilizzano le articolazioni – muscoli interni.
Grazie all’allenamento in contrapposizione di forza elastica (le fasce, il reformer) i tendini, per loro qualità intrinseca, nutrono il muscolo di forza elastica.

La forza elastica e l’allineamento

La forza elastica esige una condizione necessaria per la sua emissione: deve provenire da un asseto stabile (che assicuri l’equilibrio).

Per assetto stabile intendiamo l’allineamento osseo rispetto alle articolazioni, e il mantenimento di questa condizione in forma statica – e dinamica attraverso un corretto reclutamento muscolare.
Senza un’adeguata attiva stabilità osteoarticolare non è possibile produrre forza elastica organizzata. Per sua natura intrinseca la forza elastica necessita e deve provenire da un assetto stabile.

La forza interna si differenzia dalla forza intesa come ipertrofia o potenziamento muscolare.

Dobbiamo sempre pensare ai nostri ballerini: secondo voi come fanno ad essere così leggeri e nello stesso tempo forti, elastici, precisi, fluidi nei movimenti? Lo stesso Roberto Bolle, ha un fisico notevole eppure riesce ad essere leggero e volatile e forte allo stesso tempo. 

Per realizzare la forza elastica Pilates, la propiocezione deve essere raffinata ed educata. Il valore delle connessioni interne diventa vitale per lo sviluppo.

Il training Pilates rieduca in questo modo il corpo e la mente a svolgere gli esercizi apprendendo nuove modalità di interazione tra mente e corpo.

La forza elastica e un corpo giovane

Un corpo capace di produrre forza elastica rimane giovane!

La forza elastica Pilates viene definita come forza interna, perché non basata sullo sviluppo della massa muscolare ma sul risveglio, l’efficienza e la presa di contatto con l’intelligenza kinestetica  e le potenzialità profonde delle componenti muscolari e le loro connessioni con il corpo.

L’utilizzo della forza interna porta ad una sensazione soggettiva che i movimenti partano dalle ossa e non dai muscoli. Questo crea un senso di leggerezza ed aumenta la resistenza di durata nel tempo nella prestazione dell’esercizio. Questo conduce alla fluidità.

La forza interna elastica conduce a risultati superiori nelle prestazioni fisiche rispetto alla pura contrazione muscolare (forza esterna).

Qual’è il miglior modo per allenarsi e creare forza elastica Pilates?

Questo sarà argomento del prossimo post!
Per info e domande potete contattarci scrivendo a myholisticworld_pilates@smazing.life