La stagione sciistica è iniziata, e per chi come me non sta più nella pelle e non vede l’ora di divertirsi sulla neve, è già ora di pensare a dove, come e quando. Nel Nord Italia sono tante le location dove sciare e poter ammirare paesaggi mozzafiato. Ecco quindi regione per regione le aree sciistiche più Smazing.

Veneto

Le Dolomiti fiore all’occhiello della regione, definite anche dall’architetto Le Corbusier “la più bella opera architettonica naturale al mondo”, offrono davvero un’ampia scelta

Cortina d’Ampezzo

Cortina d’Ampezzo, la regina delle Dolomiti (BL) è senza dubbio la più nota e prestigiosa località sciistica italiana, sede storica delle Gare di Coppa del Mondo. Circondata da splendide vette come le Tofane (Tofana e Tofana di Mezzo) e il Monte Cristallo, fa parte del comprensorio Dolomiti Supersky.

Sappada

Non solo discesa e fondo: Sappada, al confine tra Austria e Friuli Venezia Giulia, è la meta perfetta per chi vuole praticare – anche – lo sci alpino.
La pista Col dei Mughi – o Stadio dello slalom – è illuminata ogni venerdì sera per lo sci in notturna, e dispone anche di un attrezzatissimo baby park, Nevelandia, adatto a famiglie con bambini.

Alleghe

Alleghe fa parte del Comprensorio del Monte Civetta, una delle aree sciistiche più interessanti del Veneto e dell’intero nord Italia. Sono 46 le piste a disposizione degli sciatori per un totale di 82 km tra i 1000 e i 2050 metri. Panorama mozzafiato, as usual.

Marmolada

La Marmolada è un importante punto di collegamento con gli impianti sciistici Superski Dolomiti. Gli impianti di risalita sono 28, le piste per la discesa 51 per un totale di 89 km. Che dire, si sale fino a oltre 3.000 mt: la pista La Bellunese è senza dubbio la più spettacolare pista delle Dolomiti. Attraversa il ghiacciaio della Marmolada sino al Passo Fedaia per poi scendere a Malga Ciapela.
La neve è di ottima qualità grazie all’altitudine che la mantiene farinosa e abbondante. Non c’è dubbio: è il comprensorio più panoramico delle Dolomiti. In giornate particolarmente limpide è possibile vedere Venezia e le Alpi austriache!

Trentino Alto Adige

Il Trentino ospita 4 dei 9 siti inseriti nella lista dei beni naturali del “Patrimonio dell’Umanità”: le Dolomiti infatti offrono anche qui scenari unici al mondo. Dove sciare? Hai solo l’imbarazzo della scelta!

San Martino di Castrozza

San Martino di Castrozza e Passo Rolle

Fa parte del comprensorio Dolomiti Supersky: piste ampie e con diverse pendenze, adatte anche ai meno esperti. La Tognola Uno è una delle dodici piste più belle delle Dolomiti e si snoda per quasi tre chilometri tra i boschi dell’Alpe Tognola, proprio di fronte alle cime innevate delle Pale

Madonna di Campiglio 

150 km di piste che raggruppano Pinzolo, Campiglio, Marileva e Folgarida. La skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta offre davvero un ampissimo panorama di tracciati!
La pista DoloMitica è la più lunga, con maggior dislivello – 5750 metri di lunghezza e 1284 metri di dislivello – e più ripida, con pendenza massima superiore al 70%. Per veri amanti del brivido!

Val Gardena

L’area sciistica della Val Gardena fa parte anch’essa del Dolomiti Superski – associazione di 12 comprensori sciistici delle Dolomiti a cui si può accedere con un unico skipass – e da Selva di Val Gardena si può entrare anche direttamente alla stazione sciistica del Sellaronda, che offre un indimenticabile giro sciistico attorno al massiccio del Sella.

Alta Badia

Da fine novembre a metà aprile l’Alta Badia è perfetta per sciare: da Corvara a Canazei, piste vaste ed emozionanti. Corvara offre anche una vita movimentata, con molti locali che offrono l’after ski dalle 16 alle 20, ed è tappa del Sellaronda Skimarathon, una gara a coppie di sci alpinismo in notturna. 
Badia è inserita nel Sellaronda Skimarathon – competizione di sci alpinismo a coppie in notturna – che si snoda per 42 km lungo il carosello sciistico del Dolomiti Superski e che collega, attraverso i quattro passi dolomitici (Pordoi, Sella, Gardena e Campolongo) le 4 valli ladine intorno al Sella.

Alta Badia

Val di Fassa

Sono 48 gli impianti e fanno parte sempre del comprensorio Dolomiti SuperSki

Plan de Corones

A Brunico, impianti del Kronplatz sono moderni e confortevoli: 115 di km di piste sono destinate allo sci alpino. La Sylvester è senza ombra di dubbio la pista nera più interessante: dalla vetta porta fino a Brunico.
Plan de Corones fa sempre parte del comprensorio Dolomiti Superski e si estende dall’ovest della Val Pusteria attraverso la Valle Aurina fino alla Valle Anterselva e alla Val Casies raggiunge la Val Badia a sud.

Lombardia

Bormio

Bormio, nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio in Alta Valtellina. Degna di nota la pista Stelvio, da 3000 mt scende sino in paese a 1200 m, e gli impianti di risalita sono 14, le piste di discesa 17 per un totale di 50 Km. Quelle da fondo si sviluppano lungo 30 Km. 

Livigno

A Livigno, in provincia di Sondrio gli impianti di risalita sono 32, il totale delle piste di discesa copre 115 km di percorso e le piste di fondo si snodano per 40 km.

Passo del Tonale

Al confine tra il Trentino e la Lombardia in Val Camonica: 100 km di piste. Le piste di fondo si articolano su 21 km, sul passo del Tonale si trova una delle piste nere più famose delle Alpi: la Nera del Paradiso.

Piemonte

Sestriere

Fondata dagli Agnelli è adesso una delle più rinomate località sciistiche italiane. 214 piste di discesa, per una vacanza all’insegna di sport e glamour.

Sestriere

Val D’Aosta

Cervinia

Il comprensorio sciistico di Breuil-CerviniaValtournencheZermatt è uno dei più estesi delle Alpi e si sviluppa lungo tre vallate appartenenti a due Paesi, l’Italia e la Svizzera. 380 in totale i chilometri delle piste: divertimento assicurato.

Courmayeur

È una delle stazioni sciistiche più importanti al mondo ed è al centro di 3 Paesi: Italia, Francia e Svizzera. Gli impianti di risalita sono 21, le piste di discesa si stendono per 100 Km e costituiscono il Comprensorio della Cormayeur Mont-Blanc Funivie. Le piste di fondo si snodano per 29 chilometri.

 

 

Che dire, c’è  davvero l’imbarazzo l’imbarazzo della scelta per gli skilovers: la montagna con la sua maestosità è bellissima e sciare – con prudenza – fa bene anche alla forma fisica!