Cultura afroamericana e moda: artisti come LL Cool J, Eric B. & Rakim, Big Daddy Kane, Salt-N-Pepa, vestivano i capi del designer di Harlem Daniel Day – il cui marchio Dapper Dan spopolava negli anni ’80.
Quegli anni ’80 ora tornano a ispirare. E non uno qualunque, bensì Alessandro Michele – Gucci.

Hip hop e alta moda

Hip hop e alta moda: così nasce la Gucci-Dapper Dan Collection, che vede protagonisti due mondi tanto lontani ma mai così vicini.
Il ritorno alla logo mania, tanto amata da Michele, e un omaggio durante la Cruise 2018 allo stilista di Harlem – una giacca che ricorda molto il capo che Dapper aveva realizzato nel 1989 per l’atleta olimpica Dian Dixon, in quel caso ricoperta di piccoli loghi Louis Vuitton.

La collezione

La collezione prende spunto dall’archivio di Dapper Dan e dà nuova vita ad abbigliamento sportivo e giacche di lusso tipici del designer, realizzati però negli esclusivi tessuti e materiali della Maison Gucci.

Motivi iconici come il dragone ricamato, si uniscono a pitone stampato oro, micro jaquard e jersey di ciniglia.
Il tutto condito da catene d’oro e medaglioni decorati. 
I capi in denim – ovviamente – hanno la vestibilità e i lavaggi tipici del periodo fra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90.

La sneakers è d’obbligo, manco a dirlo.

E pluribus unum

Questa la massima latina scelta da Dan e presente in molti gioielli e capi della collezione.
Significa “Dai molti, uno”, ed è una frase tipica americana, tra l’altro presente su monete e banconote da un dollaro.

La sua rivincita, dopo anni bui accusato di plagio, e soprannominato il re del falso – per le riproduzioni nei suoi capi dei monogrammati di Gucci, Fendi e Vuitton, tanto amati negli anni ’80.



Gucci stesso ha finanziato la riapertura della sartoria, che sorge su Lenox Avenue, a pochi passi da quella originale.
Sartoria chiusa dopo le cause legali che hanno travolto il designer di Harlem negli anni ’90, e che ora invece, grazie alla lungimiranza di Alessandro Michele, torna a splendere più che mai.
Ma non aspettatevi una sartoria qualunque: assomiglia più a un salotto ottocentesco, e promette di essere una provocazione hip-hop.
Ne vedremo delle belle, intanto potete acquistare sul sito la collezione per Gucci!

Monique

Monica Montanaro – Founder & Creative Director
Fashion Designer, appassionata d’arte e affamata di vita ed emozioni vere.
Docente di fashion design e consulente free lance nel settore lusso.
Ma soprattutto mamma moderna e compagna di vita esuberante, ma dolce e determinata. Curiosa e cocciuta.
Credo nelle sinergie creative e nella forza incredibile che abbiamo solo noi Donne.
Una forza che se veicolata correttamente può portare alla realizzazione e riuscita di grandi imprese.