Le origini dello street style.
America nord-occidentale, Seattle, anni Ottanta: c’è povertà e disoccupazione, c’è la crisi economica e l’AIDS, la droga, il disagio…

Ieri

C’è l’eroina che fa sfuggire alla noia, e c’è la musica – eccitante e condivisa, fortemente localizzata, che fa sentire meno emarginati. Seattle – città crocevia di cultura statunitense, città dei cantautori, dei poeti di strada e degli scrittori indipendenti – diventa la città di un’esplosione musicale, culturale e artistica che al contempo è movimento sociale: il Grunge Style diventa moda e stile di vita. 
Kurt Cobain lascia il segno: combatteva contro se stesso, al pari dello scrittore gemello William Borroughs, il padre della Beat Generation degli anni ‘50, altro appassionato di eroina e di vita al limite.

Grunge e Beat si incontrarono davvero, finalmente, prima del suicidio del leader dei Nirvana.

Lo stile riprende le scene musicali degli anni 80/90, con gruppi come Pearl Jam, Nirvana, Alice in Chain, e l’identikit è un look caotico, trasandato, dai tocchi punk. Camicia di flanella, cardigan e maglioni esagerati: il tutto sapientemente “a strati”.
Alla Courtney LoveWilliam DuVall e Kurt Cobain insomma. 

L’ispirazione è metal rock e Heavy metal.

Pur essendo stata breve come corrente, è stata molto intensa, e sostanzialmente ha fatto crollare la barriera tra metal e punk.

Su questa scia troviamo successivamente icone patinate come Madonna, Jonny Deep, Winona Raider…tutto il resto è storia, e tendenza!

E oggi?

Come interpretiamo il Grunge Style? 
Semplice… bastano pochi pezzi e un pò di creatività, strizzando l’occhio al buon gusto.

Un bel paio di denim dal fitting comodo, una camicia di flanella a quadri sopra l’immancabile t shirt bianca. What’s else?

Cerchi ispirazione? 
Vieni o segui con noi il Future Vintage! Padova, 8/10 Settembre!

Monique

Monica Montanaro – Founder & Creative Director
Fashion Designer, appassionata d’arte e affamata di vita ed emozioni vere.
Docente di fashion design e consulente free lance nel settore lusso.
Ma soprattutto mamma moderna e compagna di vita esuberante, ma dolce e determinata. Curiosa e cocciuta.
Credo nelle sinergie creative e nella forza incredibile che abbiamo solo noi Donne.
Una forza che se veicolata correttamente può portare alla realizzazione e riuscita di grandi imprese.