La regina dei Pois che ci regala deliri visuali alla Pollock, non smette di provocare. Solo che ora lo fa in grande stile. Apre il museo di Yayoi Kusama a Tokyo, e in grande stile.

Classe 1929, è l’artista più infaticabile e poliedrica del Giappone contemporaneo
Una delle più prolifiche.

 

La sua arte

La sua arte porta all’infinito, è un inno alla bellezza e alla vita. Superfici bidimensionali diventano così spazio. Spazio infinito.
Dal surrealismo alla Land art passando per Psichedelismo ed espressionismo astratto. E chi più ne ha più ne metta. 
Perchè Yayoi è così: libera e inafferrabile, proprio come la sua arte.

Marc Jacobs l’ha voluta in una delle più riuscite collaborazioni arte-moda che hanno visto il restyling del marchio Louis Vuitton.

Un mondo a pois

Ossessioni psichedeliche che dannno vita a spazi temporali del qui ed ora.
Non a caso dal 977 l’artista vive nell’ospedale psichiatrico Seiwa, per scelta personale, e quasi quotidianamente si reca a dipingere nel suo studio a Shinjuku.
Sessant’anni di carriera e non sentirli!