Tag

benessere

Allenamento Emozionale, Pilates & More, To Be In Shape

Yoga Iyengar: benessere per corpo e spirito

Lo yoga, pratica millenaria che mira al benessere psicofisico e coinvolge corpo, postura, respiro, spiritualità, sta letteralmente conquistando un pubblico sempre più eterogeneo. A cosa si deve tutta questa curiosità e l’indiscusso successo?

Read more

Interview, Lifestyle, To Be Woman

Biohacking: ottenere il massimo sia dal corpo che dalla mente

Sempre più spesso si sente parlare di Biohacking, tuttavia c’è ancora molta confuzione a riguardo: cos’è davvero il Biohacking e chi è il Biohacker?
Per sciogliere ogni dubbio abbiamo scambiato due chiacchiere sul biohacking con Matteo Cozzi, fondatore del blog Avocado Tree e del progetto Cyrcared.

 

Matteo, cos’è per te il Biohacking?

La definizione classica di biohacking è “l’arte e scienza di alterare l’ambiente esterno ed interno per ottenere il massimo della performance.” Trovo questa definizione estremamente calzante. Mi piace soprattutto il fatto che unisca la componente scientifica, che è alla base di ogni intervento, a quella artistica che implica una parte di sperimentazione. In particolare, la sperimentazione è su se stessi, infatti il biohacking si basa sul principio del DIY (Do it yourself), ovvero l’individuo è chiamato a informarsi e a utilizzare quelle informazioni raccolte per intervenire sulla propria biologia. Questo è rilevante soprattutto perché, per usare un termine scientifico n=1. Ovvero gli effetti di una determinata scelta, che possa essere alimentare o di un integratore sono del tutto suscettibili all’individuo. In altre parole, la stessa scelta può avere effetti radicalmente diversi su due persone.

 

Quali sono i migliori dispositivi di biohacking?

Il miglior dispositivo di biohacking è la natura. Negli ultimi anni, soprattutto in USA, il biohacking è entrato a far parte del mainstream. Questo ha portato a sviluppare interessi commerciali che a loro volta hanno creato integratori, prodotti e dispositivi. Lo trovo un eccesso. Per me il primo biohack è il ritorno alla natura: sole, contatto con la terra, mangiare semplice e locale. Il resto può essere un’aggiunta per raggiungere obiettivi eccezionali oppure per difenderci dalla tecnologia.
Se dovessi parlare strettamente di dispositivi, sicuramente occhiali blue blockers che proteggono dalle luci artificiali e luci rosse ed infrarosse per bilanciare la luce blu nella quale siamo immersi.

Quali sono i problemi principali derivanti dalla tecnologia?

Oggi siamo circondati da tecnologie che non esistevano poche decine di anni fa. La nostra biologia è estremamente sensibile all’ambiente e c’è da aspettarsi che qualsiasi cambiamento radicale possa esercitare un effetto negativo.
Le minacce principali -ma che nessuno prende seriamente- sono le luci artificiali e le onde elettromagnetiche nelle quali siamo immersi 24/7. Per quanto riguarda le prime, sappiamo che la luce blu, emessa dalle moderne luci LED e dagli schermi dei telefoni sopprime la melatonina, che è l’ormone del sonno ma anche un potente antiossidante. L’insonnia è un’epidemia dilagante ormai ma nessuno vuole unire i puntini. E uso il termine volere appositamente. Governi, aziende e persone comuni sono consapevoli dei danni ma non fanno niente i primi per questioni economiche e i secondi per pigrizia.
Stesso discorso vale per le onde elettromagnetiche di Wi-Fi e cellulari. Oggi siamo esposti ad un campo elettromagnetico miliardi di volte superiore a quello di appena 50 o 100 anni fa. Anche qui tutti sono consapevoli dei danni, ma vengono minimizzati per altri interessi.


Il biohacking è adatto a tutti?

Per me il biohacking può essere inteso come stile di vita. Un biohacker è una persona consapevole di avere un enorme potere personale per quanto riguarda la propria biologia e le proprie perfomance e decide di utilizzarlo. Al di la di piccoli interventi, il biohacker cerca di ottimizzare tutti gli aspetti della vita: alimentazione, luci, integrazione, sonno. L’obiettivo è massimizzare il potenziale umano.
In un certo senso siamo tutti biohacker nel momento in cui, ad esempio, scegliamo uno stile alimentare che ci fa stare bene o ci alleniamo. Le persone comuni potrebbero iniziare a pensare che anche in altri ambiti possono essere effettuate delle scelte consapevoli.

 

Come iniziare?

In realtà è molto semplice, ma non è facile. Semplice perché non richiede requisiti particolari se non la volontà. Non facile perché bisogna studiare prima di fare qualcosa e soprattutto è richiesta tanta sperimentazione. Purtroppo, la maggior parte delle persone vuole la pillola magica che gli permetta di ottenere tutto e subito, quindi, mancando questa pazienza di sperimentare molto spesso l’appello di chi divulga cade nel vuoto. Ma non è solo mancanza di pazienza, è anche mancanza di stimoli ad uscire dalla comfort zone. Molti dei cambiamenti da intraprendere influenzano il modo in cui le persone hanno vissuto per 40, 50 anni o più. Rompere le abitudini poco salutari è difficile, ed ancora di più sostituirle che abitudini migliori.

Lifestyle, myLIFESTYLE, To Be Woman

La funzione dei radicali liberi nel processo di invecchiamento

Quando si sente parlare di invecchiamento l’associazione con i radicali liberi è immediata. I radicali liberi possono danneggiare il DNA interrompendone la replicazione e alterandone la struttura: ecco perché svolgono un ruolo cruciale non solo nei processi di invecchiamento. Il DNA infatti subisce attacchi di continuo da parte dei radicali liberi: questo comporta la degenerazione dei tessuti e – naturalmente – l’insorgere della malattia. Quindi, prima di preoccuparci dell’invecchiamento, dovremmo volgere l’attenzione sul potere che i radicali liberi hanno nei processi di salute/malattia.Read moreMonica Montanaro Biohacking CoachFounder & Creative Director Healthy Lifestyle | Biohacking Coach www.biohackingcoach.it Read MoreMoniqueCloseMonica Montanaro - Founder & Creative Director Fashion Designer, appassionata d'arte e affamata di vita ed emozioni vere. Docente di fashion design e consulente free lance nel settore lusso. Ma soprattutto mamma moderna e compagna di vita esuberante, ma dolce e determinata. Curiosa e cocciuta. Scontrarmi dopo i 35 anni con una patologia…

CLICCA QUI

per continuare la lettura di questo articolo, abbonarti e accedere a tantissimi altri contenuti esclusivi! 
Sappiamo che tu vali e meriti solo il meglio.
Da qui la nostra scelta di dare un valore anche ai contenuti che ti offriamo.


Contribuisci a rendere Smazing sempre migliore, a meno di un caffè al mese.
Cosa aspetti?

oppure
accedi con le tue credenziali

Italia, To Be In Shape, Wellness Travel

A life experience 2019 diventa “formato famiglia”

È la terza volta che la piattaforma Smazing.it e il progetto Smazing Holistic Academy portano in Toscana “A life experience”, il weekend benessere all’insegna delle discipline olistiche, della sana alimentazione, dello sport e della crescita personale che si terrà da giovedì 20 a domenica 23 giugno nell’incantevole location del resort di Poggio Cennina a Bucine (AR).

Read more

Alimentazione e Salute, Food Therapy, To Be Good

Vitamina D: perché è così importante

La vitamina D è un pro-ormone – sostanza inattiva che può essere trasformata in ormone dal nostro corpo – ed è elisir di giovinezza e salute. Protegge ossa, sistema nervoso e sistema immunitario, e si sta rivelando davvero molto più importante di quanto non abbiamo sempre creduto. Read moreMonica Montanaro Biohacking CoachFounder & Creative Director Healthy Lifestyle | Biohacking Coach www.biohackingcoach.it Read MoreMoniqueCloseMonica Montanaro - Founder & Creative Director Fashion Designer, appassionata d'arte e affamata di vita ed emozioni vere. Docente di fashion design e consulente free lance nel settore lusso. Ma soprattutto mamma moderna e compagna di vita esuberante, ma dolce e determinata. Curiosa e cocciuta. Scontrarmi dopo i 35 anni con una patologia autoimmune è stata una grande opportunità per cambiare stile e abitudini di vita, e abbracciare tutto quello che porta a vero benessere, partendo dall'alimentazione. Da qui la voglia di rimettermi in gioco, iniziare a studiare di nuovo,…

CLICCA QUI

per continuare la lettura di questo articolo, abbonarti e accedere a tantissimi altri contenuti esclusivi! 
Sappiamo che tu vali e meriti solo il meglio.
Da qui la nostra scelta di dare un valore anche ai contenuti che ti offriamo.


Contribuisci a rendere Smazing sempre migliore, a meno di un caffè al mese.
Cosa aspetti?

oppure
accedi con le tue credenziali

Interview, Lifestyle, To Be Woman

Agopuntura: un metodo alternativo ed efficace per stare meglio

L’Agopuntura è una delle pratiche della Medicina Tradizionale Cinese e ha origini molto antiche: è riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della Sanità e ristabilisce il corretto fluire dell’energia vitale.
Usa metodi diagnostici semplici ma affidabili e ripetibili, come l’esame fisico del polso e della lingua, e di altri parametri vitali che sono alla base della comprensione del quadro clinico individuale.
Abbiamo intervistato il Dott. Alberto Fiorentin per capire meglio i benefici di quest’antica conoscenza, che preferisce trasformare l’ambiente corporeo in modo da renderlo inadatto a far attecchire le malattie. Read more

Beauty, Benessere, To Be In Shape

Red Led Therapy: la nuova frontiera di salute e bellezza

Ti senti troppo spesso stanco? Sei spossato e senza energie? Probabilmente i tuoi mitocondri non stanno lavorando al meglio e  quindi hai bisogno di “supplementare” con della luce rossa. Perché abbiamo così tanto bisogno di luce rossa? Semplice! Perché ne siamo carenti e ad oggi siamo esposti a troppa luce blu – tipica di tutti gli ambienti chiusi.Read more

Interview, Lifestyle, To Be Woman

Yowalk, prendiamoci cura della nostra salute partendo dai piedi: intervista a Onil Ruiz Ortega

Il piede, se forte e “attivo”, è in grado di migliorare l’equilibrio, e influenzare postura e comunicazione sensoriale della grande catena posteriore. Ti sembra poco? Spesso sottovalutiamo l’importanza del benessere dei nostri piedi, salvo poi renderci conto di avere problemi di schiena, di circolazione e di postura. Ecco perché dobbiamo ripartire dalle radici per ritrovare un benessere completo a 360°. Abbiamo intervistato Onil Ruiz Ortega, Ceo di Yowalk: la sua intuizione geniale è diventata un brevetto, e promette di prendersi cura in modo semplice e immediato dei nostri piedi. Come? Ce lo racconta nell’intervista.Read more

Italia, To Be In Shape, Wellness Travel

Progetto “Vyta”: un nuovo modo di vivere il benessere a 360°

Il progetto e metodo Vyta promette di stravolgere tutti i canoni di benessere a cui siamo abituati: unisce infatti Scienza dell’alimentazione, Medicina e Crescita personale in un’ottica di wellness 3.0 cucito su misura.
Nasce dall’intuizione di Umberto Carraro, direttore sanitario di Abano Med e titolare di Hotel Plaza ad Abano terme, ed è il primo approccio anti-aging a livello europeo così completo – e unico nel suo genere.Read more

Beauty, Benessere, To Be In Shape

THAI: il massaggio tradizionale thailandese

Viene denominato “nuad phaen borarn” in lingua thai e significa letteralmente toccare per guarire (nuad) e antico/degno di riverenza (borarn). Il  Thai è normalmente eseguito a terra, dove colui che lo riceve e colui che lo dà indossano abiti confortevoli: ha una durata d minimo 1 ora e non è consentito l’uso di oli.Read more

Close