Agricoltura biologica? No grazie! Meglio un’agricoltura in maggiore equilibrio con l’ecosistema terrestre, e questo è possibile  grazie all’Agricoltura biodinamica. Abbiamo intervistato Erika Rodeghiero, titolare di un’azienda agricola sull’Altopiano di Asiago, per capire meglio le caratteristiche – e i benefici diretti – di questo tipo di agricoltura. Buono, sano, biodinamico! Accrescere e mantenere la fertilità della Terra attraverso la cura del suo fattore fondamentale: l’Hummus. L’Agricoltura Biodinamica è una metodologia agricola fondata su solide conoscenze scientifiche, anziché su accidentali constatazioni tecnologiche. Ha elaborato procedimenti produttivi del tutto innovativi rispetto a qualsiasi pratica agricola, e risolto il problema derivante dal grande apporto di concimi azotati e di pesticidi – che hanno determinato un danno ambientale dai costi non previsti e ancora difficilmente quantificabili. Ma da dove nasce l’agricoltura biodinamica? Erika, titolare azienda agricola: “L’agricoltura biodinamica è stata inventata da Rudolf Steiner al fine di salvaguardare la salute della terra e il mantenimento/accrescimento…

CLICCA QUI

per continuare la lettura di questo articolo, abbonarti e accedere a tantissimi altri contenuti esclusivi! 
Sappiamo che tu vali e meriti solo il meglio.
Da qui la nostra scelta di dare un valore anche ai contenuti che ti offriamo.


Contribuisci a rendere Smazing sempre migliore, a meno di un caffè al mese.
Cosa aspetti?

oppure
accedi con le tue credenziali