C’è sempre più attenzione verso tutto ciò che è in qualche modo “naturale”: che sia alimentazione, stile di vita o medicina alternativa, stiamo assistendo fortunatamente ad un inversione di tendenza che porta le persone ad informarsi e a prendere parte attivamente ai propri processi di guarigione.
Ci siamo confrontate con Francesca Devi Cillo su quello che può essere il vero significato del “vivere” in connessione con la natura – la “nostra” natura, e quella che ci circonda.

Devi Francesca Cillo è naturopata e si occupa di nutrizione da 35 anni. Creatrice del Programma Online “The SAUTÓN Approach” e del blog www.energytraining.it (tra i più seguiti in Italia), ha aiutato oltre 140.000 persone a ritrovare salute, energia e forma fisica col suo approccio nutrizionale.

Dalle sue ricerche è nata la SAUTÓN Academy of Nutrition, scuola di formazione in nutrizione olistica per medici, personal trainer, educatori e appassionati.

Francesca, ti definisci un’appassionata di salute naturale e alimentazione sana. Ci spieghi cos’è per te la salute naturale?

La salute naturale è un approccio al benessere e alla salute che rispetti le esigenze di ciò che siamo: un meraviglioso miracolo, unione di mente e corpo. Un approccio che vada sempre ad identificare le cause profonde del nostro malessere o squilibrio senza sopprimere i sintomi ma scoprendo attraverso di essi l’origine del disturbo e che lavori per riportare l’equilibrio attraverso il miglioramento delle nostre abitudini di vita, incluse quelle alimentari.

E un’alimentazione sana che presupposti deve avere?

Un’alimentazione sana deve prendere in considerazione i due fattori chiave in grado di condizionare tutta la nostra salute:

  • se e come riusciamo davvero ad assimilare ciò che mangiamo, nutrendo le cellule e eliminando le tossine. Quindi si occupa di ripristinare e riattivare la nostra digestione. Andando a conoscere le leggi che la governano e la favoriscono
  • se abbiamo imboccato la via dell’emergenza e cioè funzioniamo in modalità ridotta e sofferta poiché l’infiammazione sta dilagando nel nostro corpo. Questa è un’emergenza degli ultimi anni, causata da profondi errori alimentari protratti nel tempo, combinati con condizioni di vita governate da stress e inquinamento chimico ed elettromagnetico. Questa emergenza sta progressivamente bloccando i nostri principali sistemi: metabolico, ormonale, immunitario e nervoso. E comporta un progressivo sorgere di disturbi diversi e difficili da comprendere tutti a carico dei sistemi bloccati.

Un’alimentazione sana che voglia essere davvero efficace deve essere in grado di misurare queste due condizioni per noi, cioè quanto è in difficoltà la nostra digestione e quanto è alta la nostra infiammazione. Deve poi mettere in campo una strategia efficace e personalizzata (perchè siamo tutti diversi!) per poter risolvere queste due condizioni e ripristinare ordine e salute in tutti i sistemi del corpo.

Detox post feste: da dove iniziare e come

Quello che accade, dopo le feste, è l’acutizzarsi di quella emergenza che ci appartiene ormai da tempo. Abbiamo mangiato troppo e soprattutto tanto zucchero e abbiamo imboccato quella spirale ingovernabile che io chiamo “la ruota del criceto” che gira sempre in tondo cercando di scappare. Dove mangiamo costantemente dolci e carboidrati per noia e stanchezza e non riusciamo ad interrompere questo circolo vizioso.  Appena ne mangiamo un pò ci sentiamo prima euforici, poi nervosi e ben presto nuovamente stanchi e affamati e ricominciamo a mangiare zucchero ogni due o tre ore, altrimenti non riusciamo a carburare. Quindi abuso di zucchero, caffè, chili di troppo, con conseguente stanchezza, difficoltà a concentrarci e debolezza del sistema immunitario (ci ammaliamo spesso).

Ecco perché avere una strategia detox, dopo le feste, diventa vitale. Un momento ottimo per ripartire!

Punto importante di questa strategia deve essere da una a due settimane sugar free (cioè prive di alimenti che contengano zuccheri come pasta, pane, prodotti da forno, patate, dolci, cereali) e ricche di proteine fresche (a seconda di ciò che mangiamo carne, pesce, uova, derivati del latte, proteine vegetali come canapa, chia e pochissimi legumi). Vegetali cotti in modo leggero (verdure fresche cotte poco giusto per rompere i legami di cellulosa rinforzando la nostra capacità di digerirle) e grassi sani (olio evo, burro, ghi, olio extravergine di cocco, avocado, olive). Questi sono i migliori antidoti all’abuso di zucchero perché donano sazietà, energia, riequilibrio metabolico e ci permettono immediatamente di uscire dalla spirale dell’abuso di zucchero mangiando pienamente e in modo soddisfacente senza regimi dietetici rigidi e punitivi.

Questo è ciò che insegno nel mio Programma Online.

Strategia chetogenica, regime low carb, filosofia Paleo: come orientarsi?

Ognuno di questi approcci contiene importanti insegnamenti e l’ideale è conoscerli, guardarne i punti forti e gli eventuali limiti, e applicarli in una sintesi che comprenda le nostre reali esigenze, il modo in cui noi funzioniamo e dia al nostro corpo il carburante perfetto.

Dalla dieta Chetogenica riceviamo la comprensione che siamo una macchina ibrida, che possiamo vivere con due diversi carburanti: zucchero o grassi. Lo zucchero è un carburante pericoloso, non presuppone riserve, deve essere costantemente assunto e crea fame, alti e bassi energetici e fastidiosissimi cuscinetti da smaltire. Il carburante grassi è invece estremamente adatto alle cellule, crea ampie riserve, ci rende molto più soddisfatti e sazi e ci consente di mantenere il peso forma senza sforzo. La dieta chetogenica ci insegna a rivalutare i grassi che devono costituire la metà del nostro introito alimentare quotidiano. I limiti di un’applicazione troppo rigida possono condurci ad un consumo esagerato di grassi (a volte parei al 70% delle calorie totali), con una sottovalutazione di quelle che sono le migliori fonti nutrizionali equilibrate, spesso rischiando di abusare di derivati del latte.

L’approccio Low Carb ci ha spiegato quanto sia pericoloso porre gli zuccheri al centro della nostra quotidianità. Zucchero che ci rende affamati, insoddisfatti, in preda all’emergenza infiammazione e al progressivo invecchiamento. Il metabolismo si blocca e rallenta, le cellule si riempiono di tossine e il corpo blocca i sistemi creando una serie infinita di sintomi fastidiosi e problemi di salute. Il limite è che in questa guerra senza quartiere agli zuccheri rischia di tralasciare importanti punti riguardanti la qualità e la proporzione tra i macro nutrienti e l’importanza delle fibre per il nostro microbioma intestinale.

L’approccio Paleo ha il merito di aver rivalutato le proteine come parte importante della nostra quotidianità. Basta guerra a questo nutriente che ci ha portato dritti nelle braccia dell’abuso di zucchero. Il limite è che spesso lei proteine non sono analizzate nelle loro qualità e si può rischiare un vero e proprio abuso di proteine non sane.

Quindi il migliore approccio è quello di creare una sintesi che riporti ordine tra i nutrienti, che punti su qualità degli alimenti e sul modo di consumarli per permetterci di assimilarli al meglio e che non dimentichi di rispettare le nostre esigenze individuali.

Questo è ciò che mi ha guidato nella formulazione del mio metodo.

Francesca, in che cosa consiste il tuo metodo “Sautón Approach”?

L’approccio SAUTÓN, (chiamato così dalla parola greca che vuol dire “te stesso”) è un approccio low carb e cheto che aiuta a ripristinare la nostra digestione e a diminuire la nostra infiammazione.

Si parte dal compilare un Test che misura il livello della tua digestione e della tua infiammazione. Uno strumento molto efficace che ti aiuta anche a misurare i progressi nel percorso.

Successivamente si trova una prima parte, in cui ti avvicini gradualmente e praticamente alle basi della nutrizione sana scoprendo come portarle concretamente nella tua vita al tuo ritmo. Un tempo che può durare quanto desideri e che già da solo ti trasforma in profondità.

Quando ti senti pronto inizi la vera trasformazione,  attraverso tre fasi in sequenza:

  • il detox di 28 giorni, chiamato RESTART, unica fase di dieta stretta, che ti permette di uscire dall’emergenza e ripristinare il corretto funzionamento di tutti i sistemi del corpo
  • La riammissione selettiva e progressiva dei tutti gli alimenti sospesi, chiamata RETRY; nella quale verifichiamo la nostra effettiva risposta agli alimenti. Ormai riequilibrati è più facile identificare gli effetti reali del cibo che mangiamo ed identificare alimenti da usare tutti i giorni, quelli da inserire alcune volte a settimana e quelli da considerare solo nelle occasioni speciali. Così da non ritrovarci nuovamente nel regime di emergenza e sulla ruota del criceto.
  • E l’ultima fase finale, chiamata appunto RELAX, nella quale ci divertiamo a portare tutte le nostre comprensioni, in modo creativo, armonico e rilassato, nella nostra vita. Divertendoci a disegnare un nuovo stile personale che ci consenta di esprimere tutte le nostre migliori potenzialità.

Il tutto con l’unico intento di consentirti di ritrovare il tuo libretto di istruzioni originario per esprimere il tuo massimo potenziale, con un approccio ampio, non rigido,  creativo, divertente e soprattutto pratico ed adatto a persone che vivono nel mondo e hanno poco tempo ma grandi obiettivi.